3 maggio 1941

3 maggio 1941


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

3 maggio 1941

Iraq

Churchill ordina a Wavell di inviare truppe per alleviare l'assedio di Habbaniya. Habforce lascia la Palestina per l'Iraq l'11 maggio

La RAF attacca le basi dell'aeronautica irachena

Guerra nell'aria

La RAF bombarda Amburgo, il primo di cinque attentati concertati nel corso del mese

Africa orientale

Inizio della battaglia di Amba Alagi (Etiopia)



26 maggio 1941 Fratello Vendicatore

In questo giorno del 1941, il sergente Clive Hulme apprese della morte di suo fratello Harold, anch'egli impegnato nella battaglia per Creta. L'aspettativa di vita per i cecchini tedeschi stava per diventare notevolmente più breve.

Nel corso della storia dei conflitti armati, gli uomini che hanno sopportato il combattimento insieme hanno formato un legame speciale. Prima della battaglia tra Davide e Golia ad Agincourt, Enrico V parlava di “Noi pochi, noi pochi felici, noi banda di fratelli“. Gli uomini che hanno combattuto il “Guerra per porre fine a tutte le guerre” non parlava di Dio e della Patria, ma dell'uomo alla sua sinistra e alla sua destra. Che aspetto ha allora, quando l'uomo per cui stai combattendo è letteralmente tuo fratello?

Le forze elleniche ebbero un primo successo quando l'Italia fascista invase la Grecia il 28 ottobre 1940, l'esercito greco spinse l'intruso nella vicina Albania nella prima vittoria di terra alleata della seconda guerra mondiale.

Fino all'intervento della Germania nazista e del suo alleato bulgaro.

occupazione tedesca della Grecia

Le truppe del Commonwealth britannico mosse dalla Libia su ordine di Winston Churchill si sono rivelate troppo poco, troppo tardi. La capitale greca ad Atene è caduta il 27 aprile. La Grecia ha subito l'occupazione dell'asse per il resto della guerra, con risultati devastanti. Circa l'80% dell'industria greca è stato distrutto insieme al 90% di porti, strade, ponti e altre infrastrutture. 40.000 civili sono morti di fame, solo ad Atene. Altre decine di migliaia morirono nelle rappresaglie naziste o per mano di collaboratori nazisti.

Invasione aerea di Creta

Temendo di perdere l'isola strategicamente importante di Creta, il primo ministro Winston Churchill inviò un telegramma al capo di stato maggiore imperiale generale Sir John Dill: “Perdere Creta perché non avevamo forze sufficienti sarebbe un crimine.”

Alla fine di aprile, la Royal Navy evacuò 57.000 truppe a Creta, la più grande delle isole che compongono il moderno stato greco. Erano stati inviati per rafforzare la guarnigione cretese fino all'arrivo di nuove forze, ma questa era una forza esaurita. La maggior parte aveva perso attrezzature pesanti durante l'evacuazione frettolosa. Molti erano disarmati, del tutto.

Truppe di montagna tedesche salgono a bordo di uno Junkers Ju 52 per Creta, 20 maggio 1941, Wikipedia H/T

Occupato in quel momento con l'operazione Barbarossa, l'invasione a sorpresa di Hitler del suo ex alleato sovietico, il comando dell'esercito tedesco aveva poca voglia di attaccare Creta. Desideroso di riscattarsi dopo l'incapacità di distruggere un avversario quasi prostrato durante la Battaglia d'Inghilterra, l'Alto Comando della Luftwaffe era una storia diversa.

Hitler riconobbe l'importanza strategica di Creta, sia per la guerra aerea nel Mediterraneo orientale che per la protezione del fianco meridionale dell'Asse.

Al momento dell'invasione tedesca, le forze alleate furono ridotte a 42.000 a Creta di cui solo 15.000 erano pronte per il combattimento. Il maggiore generale dell'esercito neozelandese Bernard Freyberg al comando di queste truppe, ha chiesto l'evacuazione di 10.000 persone che avevano “poca o nessuna occupazione se non mettersi nei guai con la popolazione civile“.

Ancora una volta era troppo poco, troppo tardi. La prima invasione principalmente aerea nella storia militare e l'unica tale operazione tedesca della seconda guerra mondiale iniziò il 20 maggio 1941.

La Luftwaffe inviò all'attacco 280 bombardieri a lungo raggio, 150 bombardieri in picchiata, 180 caccia e 40 aerei da ricognizione, insieme a 530 aerei da trasporto e 100 alianti.

sergente Clive Hulme

La guarnigione alleata fu presto in inferiorità numerica e combatté per la propria vita. Riconoscendo che la battaglia era persa, la leadership di Londra ordinò a Freyberg di abbandonare l'isola, il 27 maggio.

La "Victoria Cross" è il più alto riconoscimento nel sistema britannico di onorificenze militari, equivalente alla medaglia d'onore americana. Il sergente Clive Hulme della 2a divisione della Nuova Zelanda faceva parte di quel ritiro di combattimento. Aveva 30 anni al momento della battaglia per Creta, dove le sue azioni gli valsero la Victoria Cross. Lascia che la citazione del sergente Hulme racconti la sua storia:

“Sul terreno che sovrasta l'aerodromo di Malene il 20 e 21 maggio [il sergente Hulme] guidò personalmente i suoi uomini dall'area occupata dalla posizione avanzata e distrusse i gruppi organizzati nemici che si erano stabiliti di fronte alla nostra posizione, da cui portarono fucili pesanti, mitragliatrici e colpi di mortaio da sostenere sulle nostre postazioni difensive. Numerosi cecchini della zona sono stati affrontati dal sergente Hulme personalmente 130 morti sono stati contati qui. Il 22, 23 e 24 maggio, il sergente Hulme usciva continuamente da solo o con uno o due uomini e distruggeva i cecchini nemici. Il 25 maggio, quando il sergente Hulme si era riunito al suo battaglione, questa unità contrattaccò il villaggio di Galatas. L'attacco fu in parte sorretto da un folto gruppo di nemici che tenevano la scuola, da cui stavano infliggendo pesanti perdite alle nostre truppe. Il sergente Hulme avanzò da solo, lanciò granate nella scuola e disorganizzò così la difesa, che il contrattacco poté procedere con successo.

In questo giorno del 1941, il sergente Clive Hulme apprese della morte di suo fratello Harold, anch'egli impegnato nella battaglia per Creta. L'aspettativa di vita per i cecchini tedeschi stava per diventare notevolmente più breve. Di nuovo, dalla citazione VC di Hulme:

Martedì 27 maggio, quando le nostre truppe stavano tenendo una linea difensiva nella baia di Suda durante il ritiro finale, cinque cecchini nemici si erano posizionati sul fianco della collina che dominava il fianco della linea del battaglione. Il sergente Hulme si offrì volontario per affrontare la situazione e a sua volta inseguì e uccise i cecchini. Ha continuato un lavoro simile con successo durante il giorno. Il 28 maggio a Stylos, quando un pesante mortaio nemico stava bombardando severamente una cresta molto importante tenuta dalle truppe di retroguardia del Battaglione, infliggendo gravi perdite, il sergente Hulme, di propria iniziativa, penetrò nelle linee nemiche, uccise l'equipaggio di mortaio di quattro... la posizione del mortaio nemico ha poi lavorato sul fianco sinistro e ha ucciso tre cecchini che stavano preoccupando la retroguardia. Ciò ha reso il suo numero di cecchini nemici 33 inseguiti e sparati. Poco dopo Serjeant Hulme è stato gravemente ferito alla spalla mentre inseguiva un altro cecchino. Quando gli fu ordinato di retrocedere, nonostante la ferita, diresse il traffico sotto il fuoco e organizzò i ritardatari di varie unità in gruppi di sezioni.

Le medaglie di Clive Hulme

L'uomo ha eliminato da solo 33 cecchini tedeschi in 8 giorni e ha comunque assistito alla ritirata, dopo essere stato colpito abbastanza gravemente da metterlo fuori combattimento per il resto della guerra.


La lotta dei negri

A partire dal Il militante, vol. V n. 18, 3 maggio 1941, p.م.
Trascritto e marcato da Einde O’ Callaghan per il Enciclopedia del trotskismo on-line (ETOL).

Hillman scrive una lettera

Dopo molti mesi passati a ricevere lamentele da negri e organizzazioni sindacali sui bar Jim Crow che impediscono ai negri di ottenere posti di lavoro nelle industrie vitali, Sidney Hillman, fronte del lavoro per l'Office of Production Management, ha finalmente scritto una lettera. In questa lettera, inviata a tutti i produttori che ricevono contratti dal governo, Hillman segue la sua consueta pratica di subordinare ogni altra considerazione a quella della "difesa nazionale".

Non è interessato al Jim Crowism negli impianti finanziati e in molti casi costruiti dal governo a causa dell'effetto che ha sul popolo negro, che di conseguenza è in gran parte confinato a lavori umili, ma a causa dell'effetto che avrà sul piani di guerra del governo capitalista che sta servendo.

Innanzitutto sottolinea che i rapporti attuali "indicano una carenza di manodopera qualificata in un certo numero di settori vitali per la produzione della difesa". Questa situazione è stata aggravata perché "in molte località, i lavoratori negri qualificati e disponibili sono limitati a lavori non qualificati , o completamente escluso dall'impiego della difesa.” Poi prosegue con la sua denuncia:

“Tali pratiche sono estremamente dispendiose delle nostre risorse umane e impediscono uno sforzo totale per la difesa nazionale. Risultano in una migrazione di manodopera non necessaria, in alti tassi di rotazione del lavoro, e aumentano le nostre esigenze abitative presenti e future e i problemi sociali per i lavoratori della difesa.”

Quindi segue i suoi suggerimenti per correggere questa situazione:

“Tutti i titolari di contratti di difesa sono invitati a esaminare immediatamente le loro politiche di occupazione e formazione per determinare se queste politiche prevedano o meno ampie disposizioni per il pieno utilizzo dei lavoratori negri. Ogni fonte di lavoro disponibile in grado di produrre materiali per la difesa deve essere sfruttata nell'attuale emergenza
 

Cosa significa la lettera

Due cose emergono in questa lettera.

In primo luogo, Hillman è interessato al fatto che i negri vengano assunti solo perché non vuole che i piani di guerra del governo vengano interrotti. In secondo luogo, la sua lettera non cambierà affatto la situazione attuale.

Va notato che la lettera non sottolinea la necessità di assumere negri dove non c'è carenza di manodopera. Questo può essere interpretato nel senso che i datori di lavoro dovrebbero portarli dove non possono trovare nessun altro. I datori di lavoro lo fanno comunque. Il datore di lavoro più rabbioso che odia i negri assumerà negri quando non riesce a trovare nessun altro, perché il suo interesse principale è fare profitto e per farlo ha bisogno di lavoratori, indipendentemente dalla loro razza o colore.

Hillman vuole che i datori di lavoro determinino se le loro politiche prevedono ampie disposizioni per il pieno utilizzo dei lavoratori negri. Molto bene, dirà un datore di lavoro, esaminerò le mie politiche e vedrò se prevedono, ecc.

Anche supponendo che Hillman voglia davvero che i negri ottengano un lavoro, e che la sua lettera non sia solo un espediente per salvare la faccia, a cosa corrisponde? Poco più di niente. Perché la lettera non fornisce un solo accenno a una misura per fare qualcosa per quegli stabilimenti che si rifiutano di "esaminare" le loro politiche e, peggio ancora, si rifiutano di assumere manodopera negra finché possono ottenere altri lavoratori.

Un datore di lavoro può gettare la lettera nel cestino, come probabilmente la maggior parte di loro ha fatto, e Hillman non si propone di fare nulla al riguardo.

E così, a causa della debolezza della lettera e della sua mancanza di minaccia di agire contro i datori di lavoro che la disattendono, possiamo prevedere con sicurezza che non ne verrà fuori nulla, non più di quanto non sia avvenuto per la dichiarazione di non discriminazione emessa diversi mesi fa di Knudsen, partner di Hillman. Non un negro otterrà un lavoro come risultato di ciò.
 

L'OPM potrebbe agire

Come la Chicago Defender mettiamola: “La sua lettera ha tutte le caratteristiche di un'acrobazia teatrale destinata solo alla galleria.”

Ha lo scopo di allontanarsi dalle critiche dell'OPM sulla sua incapacità di fare qualcosa per la situazione, mentre continua a non fare nulla.

Ciò non significa che l'OPM sia impotente nella situazione e stia solo cercando di coprire la sua impotenza. Lontano da esso.

Insieme al Presidente, l'OPM ha il potere di porre il veto a qualsiasi proposta del Dipartimento della Guerra o della Marina per l'espansione o la costruzione di strutture per accelerare la produzione. Gli atti di appropriazione che trasportano fondi per nuove strutture, secondo il Sottosegretario alla Guerra Patterson, conferiscono loro tale autorità.

Ciò significa che l'OPM, semplicemente usando il suo potere di veto, potrebbe almeno rifiutare contratti alle società Jim Crow che chiedono fondi da aggiungere al loro edificio e alle loro attrezzature.

Il fatto che non usino questo potere, ma ricorrano invece a lettere deboli e prive di significato, è solo una prova aggiuntiva che non vogliono fare nulla per le sbarre industriali di Jim Crow contro i negri.

I negri devono riconoscerlo e rendersi conto che non possono aspettarsi aiuto da questa direzione finché non sono organizzati e abbastanza forti da costringerli a farlo.


Dove siamo

A partire dal Il militante, vol. V n. 18, 3 maggio 1941, p.ن.
Trascritto e contrassegnato da Einde O’Callaghan per il Enciclopedia del trotskismo on-line (ETOL).

[Fascismo in Germania]

È interessante e istruttivo vedere quale connessione fanno i vari raggruppamenti in questo paese tra la guerra e il fascismo. Nella loro propaganda in riferimento alla guerra, come utilizzano il fatto che la Germania è nelle mani dei nazisti?

Mentre neghiamo che questa guerra sia una lotta della democrazia contro il fascismo, è impossibile negare che la Germania sia in preda al fascismo. Il fascismo entra quindi come un fattore importante nel senso che vari gruppi lo utilizzano o non lo utilizzano nel loro atteggiamento e propaganda in relazione alla guerra.

Due tendenze politiche o ignorano del tutto l'esistenza del fascismo o lo relegano in secondo piano. Non cercano di fornire una risposta al problema che agita gli animi degli operai: come sconfiggere il fascismo in Germania e quindi impedirgli di conquistare questo paese? Un'analisi dell'atteggiamento del gruppo che ha spinto Lindbergh al fronte come suo portavoce e l'atteggiamento della dirigenza stalinista mostra che questi due gruppi sono quasi simili in quanto non danno alcun indizio sulla soluzione del problema sopra menzionato.
 

Lindbergh e gli stalinisti non hanno risposta sulla lotta contro il fascismo

La stampa stalinista è estremamente ansiosa al momento di distinguersi da Lindbergh. Nei primi giorni della guerra c'era una netta tendenza da parte della dirigenza stalinista a fare progressi a Lindbergh, ma le decisive vittorie tedesche in Europa e il conseguente cambiamento di politica da parte di Stalin portarono al flirt degli stalinisti con Lindbergh si ferma. Anche le inclinazioni e le connessioni fasciste di Lindbergh furono un fattore importante nell'allontanamento stalinista da lui. Hanno corso il rischio di perdere troppi dei loro sostenitori stringendo un'alleanza con Lindbergh e i suoi amici.

Nel discorso pronunciato da Lindbergh a New York il 23 aprile, non ha detto una parola sul fascismo. Si limitò a quella che definì la questione pratica se gli Stati Uniti, aiutando l'Inghilterra, potessero o meno impedire una vittoria tedesca. È irrilevante se sia competente a trattare questa questione e se abbia ragione a rispondere negativamente. L'importante è che abbia ignorato completamente la questione del fascismo. Ignorandolo, dice in effetti che, per quanto lo riguarda, non ha assolutamente nulla contro.

Non si capisca che Lindbergh e il suo gruppo di ammiratori fascisti sono quinti colonnelli nel senso che vorrebbero consegnare questo paese nelle grinfie di Hitler. Questi quinti editorialisti possono esistere solo in un piccolo paese che deve sottomettersi all'uno o all'altro dei campi imperialisti. Nessuna figura importante in questo paese, per quanto grande ammiratore di Hitler possa essere, acconsentirebbe per un momento a che Hitler domini gli Stati Uniti. Il gruppo dietro Lindbergh vuole che il capitalismo americano svolga non solo un ruolo indipendente ma dominante negli affari mondiali.

Mentre Lindbergh ha affermato che avrebbe considerato la sconfitta dell'Impero britannico una tragedia, lo ha fatto dal punto di vista di chi si rende conto che l'esistenza dell'Impero britannico è una cosa eccellente per la continua esistenza della supremazia dell'imperialismo. Inoltre, non c'è dubbio che il suo gruppo raccoglierebbe volentieri alcuni dei pezzi più importanti di un impero britannico sconfitto. Dallo stesso generale, il gruppo dietro Lindbergh considererebbe una tragedia una sconfitta di Hitler. Ciò potrebbe portare ad alcune conseguenze molto gravi per la stabilità del sistema capitalista. L'ideale per Lindbergh è una pace negoziata in cui le tre potenti classi dirigenti capitaliste degli Stati Uniti, dell'Inghilterra e della Germania lavoreranno armoniosamente per sfruttare il resto del mondo, naturalmente con il capitalismo americano che fa la parte del leone. Questo è il programma e la speranza di tutti i pacificatori.

Se non è possibile una pace negoziata, Lindbergh ovviamente preferisce una vittoria tedesca. Non lo dice specificamente, ma nessun'altra conclusione è possibile. La sua preferenza non è motivata dal filogermanesimo ma dal filofascismo. Una vittoria di Hitler significa che "l'onda del futuro" si avvicina molto di più a questo paese. Non nel senso che Hitler conquisterà questo paese, ma perché l'idea del fascismo otterrà un enorme sostegno.
 

L'atteggiamento stalinista verso il fascismo

Se il silenzio di Lindbergh sul fascismo indica che vorrebbe vedere quel sistema introdotto in questo paese, il silenzio stalinista con riferimento allo stesso problema indica che non hanno un programma per combattere efficacemente il fascismo. Io non. significa dire che la stampa stalinista tace sul fascismo in generale. Voglio dire che la direzione stalinista, nel suo atteggiamento e nella sua propaganda in riferimento alla guerra, non cerca di mostrare cosa dovrebbero fare gli operai per sconfiggere il fascismo.

Una prova inconfutabile di tale affermazione esiste nel programma della mobilitazione americana per la pace che deve essere considerato il programma ufficiale degli stalinisti. Questo programma non dice una parola sul problema del fascismo e della guerra.

Ancora una volta è necessario un avvertimento. Non sosteniamo che l'ignorare il problema da parte della dirigenza stalinista indichi che ha lo stesso atteggiamento di Lindbergh e del suo gruppo. Sicuramente la stragrande maggioranza dei membri e dei simpatizzanti del partito comunista sono acerrimi nemici del fascismo. Ma, per quanto riguarda i dirigenti stalinisti, sono prima di tutto stalinisti, cioè combattono per Stalin e non di più. Tutto il resto è secondario.

La dirigenza stalinista ignora il problema, perché non ha una risposta. Una risposta efficace la può dare solo chi, come noi, vede nella presa del potere da parte della classe operaia l'unica strada per distruggere ovunque il fascismo. Solo il campo rivoluzionario può dare una risposta del genere. La leadership stalinista, legata com'è alla politica estera di Stalin, non può dare alcuna risposta a questo importantissimo problema. Ecco perché la leadership stalinista, come il gruppo di Lindbergh, non ne parla.


Contenuti

I sottomarini tedeschi di tipo IXB erano leggermente più grandi dei sottomarini tedeschi originali di tipo IX, in seguito designati IXA. U-110 aveva un dislocamento di 1.051 tonnellate (1.034 tonnellate lunghe) in superficie e 1.178 tonnellate (1.159 tonnellate lunghe) in immersione. [1] L'U-Boot aveva una lunghezza totale di 76,50 m (251 ft 0 in), una lunghezza dello scafo pressurizzato di 58,75 m (192 ft 9 in), una larghezza di 6,76 m (22 ft 2 in), un'altezza di 9,60 m (31 ft 6 in) e un pescaggio di 4,70 m (15 ft 5 in). Il sottomarino era alimentato da due motori diesel a quattro tempi e nove cilindri MAN M 9 V 40/46 sovralimentati che producevano un totale di 4.400 cavalli metri (3.240 kW 4.340 shp) per l'uso in superficie, due Siemens-Schuckert 2 GU 345/34 motori elettrici a doppio effetto che producono un totale di 1.000 cavalli vapore (740 kW 990 shp) per l'uso in immersione. Aveva due alberi e due eliche da 1,92 m (6 piedi). La barca era in grado di operare a profondità fino a 230 metri (750 piedi). [1]

Il sottomarino aveva una velocità di superficie massima di 18,2 nodi (33,7 km/h 20,9 mph) e una velocità massima in immersione di 7,3 nodi (13,5 km/h 8,4 mph). [1] Quando sommersa, la barca poteva operare per 64 miglia nautiche (119 km 74 mi) a 4 nodi (7,4 km/h 4,6 mph) quando emerse, poteva percorrere 12.000 miglia nautiche (22.000 km 14.000 mi) a 10 nodi ( 19 km/h 12 mph). U-110 era dotato di sei tubi lanciasiluri da 53,3 cm (21 pollici) (quattro montati a prua e due a poppa), 22 siluri, un cannone navale SK C/32 da 10,5 cm (4,13 pollici), 180 colpi e un cannone navale da 3,7 cm ( 1,5 pollici) SK C/30 e un cannone antiaereo C/30 da 2 cm (0,79 pollici). La barca aveva un complemento di quarantotto. [1]

U-110 La chiglia è stata impostata il 1 febbraio 1940 da DeSchiMAG AG Weser, di Brema, Germania come numero di cantiere 973. È stata varata il 25 agosto 1940 e commissionata il 21 novembre con Kapitänleutnant Fritz-Julius Lemp al comando.

La barca faceva parte della 2a flottiglia di sommergibili dalla sua data di messa in servizio fino alla sua perdita. Lemp comandato U-110 per tutta la sua carriera. In una barca precedente (U-30), fu responsabile dell'affondamento della nave passeggeri SS Atene il primo giorno di guerra. Le circostanze erano tali che fu considerato per la corte marziale. Continuò, tuttavia, ad essere uno dei comandanti di maggior successo e ribelli del suo tempo. [2]

1a pattuglia Modifica

U-110 partì per la sua prima pattuglia da Kiel il 9 marzo 1941. La sua rotta verso l'Oceano Atlantico la portò attraverso il divario tra le Isole Faroe e le Isole Shetland. La sua prima vittima è stata Erdona che ha danneggiato a sud dell'Islanda il 16 marzo. Ha anche danneggiato Siremalm il 23. Questa nave riuscì a fuggire solo dopo essere stata colpita da un siluro che non è riuscito a far esplodere (sebbene abbia lasciato una grande ammaccatura) e l'equipaggio del cannone da 105 mm del sottomarino si è dimenticato di rimuovere il tampone nella volata prima di ingaggiare il bersaglio. L'esplosione risultante allo sparo del primo colpo ferì tre uomini e costrinse la barca a sparare sul mercantile con l'armamento più piccolo da 37 e 20 mm. Nonostante sia stato colpito, Siremalm è fuggita con successo dalla scena, zigzagando mentre se ne andava.

U-110 arrivò a Lorient, sulla costa atlantica francese, il 29 marzo, dopo aver interrotto la pattuglia a causa dei danni causati dall'esplosione del cannone.

2° pattuglia e cattura Modifica

La barca partì da Lorient il 15 aprile 1941. Il 27 affondò Henri Mory circa 330 miglia nautiche (610 km 380 miglia) a nord-ovest delle Isole Blasket, in Irlanda.

La sua prossima preda furono le navi del convoglio OB 318 a est di Cape Farewell (Groenlandia). Ha attaccato con successo e affondò Esmond e Testa di Bengore, ma le navi di scorta hanno risposto. La corvetta britannica, HMS Aubrietia, trova l'U-Boot con ASDIC (sonar). Aubrietia e cacciatorpediniere britannico Broadway poi ha proceduto a sganciare le cariche di profondità, forzando U-110 per emergere. [3]

Operazione primula (9 maggio 1941) Modifica

U-110 sopravvisse all'attacco, ma fu gravemente danneggiato. HMS Bulldog e Broadway rimasto in contatto dopo Aubrietia l'ultimo attacco. Broadway ha modellato la rotta per speronare, ma ha invece sparato due bombe di profondità sotto l'U-Boot, nel tentativo di far abbandonare la nave all'equipaggio prima di affondarla. [4] Lemp annunciò "Ultima fermata, tutti fuori", che significa "Abbandonare la nave". Quando l'equipaggio è uscito sul ponte dell'U-Boot, è stato preso di mira da Bulldog e Broadway con vittime da spari e annegamento. Gli inglesi avevano creduto che il cannone tedesco dovesse essere usato e cessarono il fuoco quando si resero conto che l'U-Boot era stato abbandonato e l'equipaggio voleva arrendersi.

Lemp ha capito che U-110 non stava affondando e tentò di tornare indietro a nuoto per distruggere il materiale segreto, e non fu mai più visto. Un testimone oculare tedesco ha testimoniato di essere stato colpito in acqua da un marinaio britannico, ma il suo destino non è confermato. Compreso Lemp, 15 uomini sono stati uccisi nell'azione e 32 sono stati catturati. L'ufficiale radiofonico Georg Högel e il resto dell'equipaggio si sono tenuti a Campo 23 (Campo di prigionia di Monteith a Iroquois Falls, Ontario settentrionale, Canada), che ora è il Complesso Correzionale di Monteith.

Bulldog s imbarco, guidato dal sottotenente David Balme, è salito su U-110 e l'ha spogliato di tutto ciò che è portatile, incluso il suo libro di codici Kurzsignale e la macchina Enigma. [5] William Stewart Pollock, un ex operatore radiofonico della Royal Navy e in prestito a Bulldog, era sulla seconda barca per imbarcarsi U-110. Recuperò la macchina Enigma e i libri che sembravano fuori posto nella sala radio. U-110 fu riportato al seguito verso la Gran Bretagna, ma affondò in rotta verso l'Islanda.

I documenti catturati da U-110 ha aiutato i codificatori di Bletchley Park a risolvere Prenotarehandverfahren, un cifrario tedesco di riserva.

U-110 ha preso parte a un branco di lupi, vale a dire.

Il film del 2000 U-571 è stato parzialmente ispirato dalla cattura di U-110.

Nel 2007, il cronometro del sottomarino è stato presentato nel programma della BBC Roadshow di antiquariato, dal castello di Alnwick, in possesso del nipote del capitano della nave che l'ha catturata.


Cronologia della storia greca moderna

La Prima Repubblica Ellenica (in greco: Αʹ Ελληνική Δημοκρατία) è un termine storiografico utilizzato per una serie di consigli e "governi provvisori" durante la guerra d'indipendenza greca. Durante le prime fasi della ribellione, varie aree eleggono i propri consigli di governo regionali. Questi furono sostituiti dall'amministrazione unita alla Prima Assemblea Nazionale di Epidauro all'inizio del 1822, che adottò anche la prima Costituzione greca. Seguì una serie di Assemblee Nazionali, mentre la Grecia era minacciata dal collasso a causa della guerra civile e delle vittorie di Ibrahim Pasha. Nel 1827, la Terza Assemblea Nazionale a Trezene scelse il conte Ioannis Kapodistrias come governatore della Grecia per sette anni. Arrivò nel 1828 e fondò lo Stato ellenico, comandando con poteri quasi dittatoriali. Fu assassinato da rivali politici nel 1831 e gli successe suo fratello, Augustinos Kapodistrias fino a quando le Grandi Potenze dichiararono la Grecia un Regno e scelsero il principe bavarese Otto come suo re.


3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da Cuor di sale » gio feb 09, 2012 13:32

Immagina che alla fine di giugno 1940 Hitler decida di attaccare Sharnhorst e Gneisenau. Di recente li ha visti essere gravemente superati dalla Renown e ora sono tornati in porto dopo la campagna norvegese ed è ora di migliorarli.
Ordina che entrambi siano dotati di cannoni da 6x15 pollici e che siano nuovamente pronti per le operazioni entro la primavera del 1941.

Di conseguenza l'operazione Berlino non avrà mai luogo, ma l'operazione Rhine Exercise consisterà in 3 corazzate con cannoni da 15 pollici più l'incrociatore pesante Prinz Eugen.
Come faranno gli inglesi a fermarli? Basteranno le portaerei e le 5 veloci navi capitali che gli inglesi avevano nel maggio 1941?

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da alecsandros » gio feb 09, 2012 13:42

G&D menziona circa 2,5 anni necessari per potenziare Gneisenau da 11" a 15", con 300 lavoratori. Con 500 lavoratori, il tempo diminuirebbe a circa 1,5 anni.

Non so se cambierebbe comunque la guerra. Ma non costruire affatto gli Schanrhorst e i panzerchiffe, e invece costruire altri 2 Bismarck potrebbe.

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da Cuor di sale » gio feb 09, 2012 13:50

alecsandros ha scritto: G&D menziona circa 2,5 anni necessari per potenziare Gneisenau da 11" a 15", con 300 lavoratori. Con 500 lavoratori, il tempo diminuirebbe a circa 1,5 anni.

Non so se cambierebbe comunque la guerra. Ma non costruire affatto gli Schanrhorst e i panzerchiffe, e invece costruire altri 2 Bismarck potrebbe.

Nel febbraio 1942 Gneisenau fu gravemente danneggiata, ma i tedeschi avevano terminato le riparazioni entro dicembre. Avevano già iniziato i lavori di rafforzamento delle barbette e delle paratie, avevano completato i 2 nuovi archi e costruito tutte e 6 le nuove torrette. La fase successiva è stata sostanzialmente l'installazione. Se avessero iniziato a metà del 1940 con niente come i lavori di riparazione da fare per primi e una data prevista per la primavera del 41, penso che avrebbero potuto farlo.

Sono d'accordo che 4 Bismarck sarebbero stati più utili dei 2 Scharnhorst e 2 Bismarck, ma immagino che abbiano imparato molto quando hanno costruito S e G, lezioni che poi sono andate nella classe Bismarck. Gli schemi delle armature erano molto simili.

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da alecsandros » gio feb 09, 2012 13:58

Nel febbraio 1942 Gneisenau fu gravemente danneggiata, ma i tedeschi avevano terminato le riparazioni entro dicembre. Avevano già iniziato i lavori di rafforzamento delle barbette e delle paratie, avevano completato i 2 nuovi archi e costruito tutte e 6 le nuove torrette.

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da Cuor di sale » gio feb 09, 2012 14:10

Nel febbraio 1942 Gneisenau fu gravemente danneggiata, ma i tedeschi avevano terminato le riparazioni entro dicembre. Avevano già iniziato i lavori di rafforzamento delle barbette e delle paratie, avevano completato i 2 nuovi archi e costruito tutte e 6 le nuove torrette.

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da alecsandros » gio feb 09, 2012 14:22

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da Keith Enge » sab 11 febbraio 2012 18:34

Oggetto: 3 corazzate tedesche nel maggio 1941.

Posta da RF » dom 19 feb 2012 20:13

Supponendo che i gemelli possano essere riarmati in tempo, ciò che Saltheart propone è un'operazione Berlino nella primavera del 1941 con tre navi capitali invece di due.

Se i tre breakout non vengono rilevati, i convogli trovati nell'operazione Berlino o in seguito potrebbero essere attaccati frontalmente da Bismarck e uno dei gemelli, mentre l'altro gemello e il Prinz Eugen potrebbero formare due punte tangenziali separate di attacco ai mercantili. Se il comandante del convoglio sulla corazzata di scorta non riesce a identificare quanti diversi attaccanti deve affrontare, un attacco audace di tutte le navi tedesche potrebbe causare il caos.

Suggerirei che per il paragrafo precedente abbiamo Marschall come comandante della flotta e non Lutjens.

Se vengono rilevati come per Rheinubung, allora Tovey deve concentrare le sue navi - Hood e POW da soli sarebbero in grave svantaggio, poiché tre delle capitali tedesche da sole potrebbero affondare Hood e lasciare POW di fronte a tre 15 pollici avversari armati. Se Prinz Eugen è in compagnia, allora aspettati che Marschall faccia cadere un prigioniero di guerra in un relitto, e poi l'Eugen finirà le cose con i suoi siluri.
Una battaglia DS con KGV aggiunta alla forza di Hollands sarebbe interessante, ma se Hood viene affondato rapidamente i tedeschi hanno il sopravvento.


3 risposte 3

Ho trovato ciò che scrive effettivamente Sudoplatov in questo libro. Il riferimento è nelle sue memorie. Ecco la mia traduzione:

Nel maggio 1941, un Ju-52 tedesco penetrò nello spazio aereo sovietico e, inosservato, atterrò con successo sull'aeroporto centrale di Mosca, vicino allo stadio della Dinamo. Questo ha creato scalpore al Cremlino e ha portato a un'ondata di repressione tra il comando militare: prima le persone sono state licenziate, poi arrestate e gli alti comandanti dell'aeronautica sono stati giustiziati.

Non fornisce ulteriori riferimenti o dettagli, ma le memorie di Pavel Sudoplatov sono generalmente attendibili, ed era davvero vicino al centro degli eventi.

Se trovate il fatto in sé sorprendente, lasciatemi ricordare che nel maggio 1987 accadde un caso molto simile: un giovane tedesco Mathias Rust in volo dalla Germania, in un piccolo aereo privato penetrò in tutte le difese aeree sovietiche e improvvisamente atterrò sulla Piazza Rossa, proprio accanto all'ingresso principale del Cremlino. Anche alcuni alti comandanti dell'aeronautica sono stati licenziati, ma nessuno è stato giustiziato per quanto ne so.

Alcuni comandanti dell'aeronautica hanno affermato in seguito di aver rilevato l'aereo ma di non sapere come reagire. (Era il tempo della perestrojka, un radicale miglioramento delle relazioni sovietico-occidentali.) Si può aggiungere che nel maggio 1941 anche le relazioni dell'Unione Sovietica con la Germania furono molto amichevoli.

Nel 1987, l'ADF sovietico doveva essere più avanzato di quanto non fosse nel 1941. Questo incidente fece una grande impressione sui sovietici e contribuì alla fine dell'Unione Sovietica.

EDIT: Wikipedia russa ha un articolo su questo incidente. Danno molti riferimenti, tutti in russo.

Non so se questo sia vero, ma ci sono alcune informazioni a riguardo in Internet russo.

15 мая 1941 года немецкий Ju 52 вторгся в советское воздушное пространство и, пролетев по маршруту Белосток — Минск — Смоленск незамеченным, приземлился в Москве на центральном аэродроме около стадиона «Динамо».

On May 15th, 1941 a German Ju-52 entered Soviet airspace and having flown the route Belostok - Minsk - Smolensk undetected landed in Moscow on the central aerodrome next to the "Dynamo" stadium.

The source for this statement is the book "Soviet Intelligence before June 22nd, 1941: Memoirs of Pavel Sudoplatov" (Советская разведка перед 22 июня 1941 (из воспоминаний Павла Судоплатова)).

The text related to Ju-52 incident claims that according to some sources the plane delivered a special letter from Hitler to Stalin (По некоторым данным, на нем доставили личное письмо Гитлера Сталину.).

Russian article says the following:

Внутри высших политических и военных кругов страны несанкционированный прилет в Москву Ю-52 особого всплеска эмоций не вызвал. Мерецков видел, что нарком Тимошенко, начальник Генштаба Жуков злополучный перелет Ю-52 не считали таким уж ЧП. Самолеты Германии часто нарушали границы Советского Союза, нередко садились на нашей территории, иногда даже группами. С октября 1939-го по май 1941 года таких нарушений было свыше пятисот, причем наибольшее число из них приходилось на первое полугодие 1941 года. Сбивать самолеты-нарушители категорически запрещалось. Наркомат иностранных дел СССР подавал официальные протесты Германии, на которые она не реагировала.

There was no outburst of emotions inside highest political and military circles of the country after the incident. Meretskov saw that narkom Timoshenko, chief of the general staff Zhukov didn't regard the unfortunate flight of Ju-52 as a particularly grave emergency. German airplanes frequently violated the borders of the Soviet Union, frequently landed on our territory, sometimes even in groups. From October 1939 through May 1941 there have been over 500 such violations, most of which occured in the first half of 1941. It was categorically prohibited to shoot down these airplanes. Soviet foreign ministry sent official protests to Germany, to which the Germans did not react.

Another article claims that the route of that plane was this: Königsberg - Białystok - Minsk - Smolensk - Moscow.

That article says there are no traces of Hitler's leter to Stalin.

Однако никаких следов пресловутого «письма Гитлера к Сталину» до сих пор не обнаружено.

The same article says the Germans probably wanted to test the state of the Soviet counter-air defense and find out the optimal direction of attack in coming war.

вторая версия состоит в том, что немцы просто пытались исследовать состояние советского ПВО и разведать будущие направление главного удара вермахта.

Here are the details of how it happened that a German plane was not intercepted:

Наблюдатели приняли немецкую машину за рейсовый самолет ДС-3 (Ли-2) и никому не доложили о появление чужого аэроплана. Белостокский аэродром, получив информацию о пролете «Юнкерса», не поставил в известность командование близлежащих частей ПВО, поскольку еще с 9 мая, связь с силами противовоздушной обороны была прервана по техническим причинам. Последние, даже не думали восстанавливать связь, а вели переговоры с Белостокским аэродромом о том, кому надлежит восстанавливать коммуникации. В итоге, командование Западной зоны ПВО получило информацию о пролете Ю-52, только когда самолет немцев приземлился в Москве. Не знало о пролете «Юнкерса» и командование штаба 1 –ого корпуса ПВО города Москвы. Зато главное управление ВВС Красной Армии информацию о самовольно перелетевшем границу самолете получило, но вместо того чтобы задержать нарушителя, разрешило ему сесть на московском аэродроме и даже распорядилось службам ПВО обеспечить перелет.

Observers mistook the German aircraft for a Soviet passenger place DC-2 (Li-2) and didn't tell anybody about it. The aedrdome in Białystok, did not notify nearby conter-air defense units because there was no communication with them since May 9th (for technical reasons). The latter didn't intend to repair the communications and instead negotiated with Białystok aerodrome on who is supposed to do this work. As a result, the Wester Zone Counter-Air Defense Command received information about the flight of Ju-52 only after the German airplane landed in Moscow. The command of the staff of 1st corpos of counter-air defense of Moscow also didn't know about it. But the chief command of the Red Army air force did receive information about the airplane that violated the Soviet airspace. Instead of intercepting it, they allowed them to land on the Moscow airfield and even asked the counter-air defense services to support the flight.


3 May 1941 - History

The westbound (geographically northbound) Southern Pacific Daylight Special arrives at the SPRR Saugus depot, May 1941. Apparently it's transporting automobiles see car at right. A southbound train is visible in the distance. It will use the siding seen in the foreground of this photograph to allow the northbound train to pass.

Handwriting on the back of this photograph reads:

The Daylight used locomotives with a 4-8-4 wheel configuration, which the Southern Pacific designated the Golden State (GS) class. The first 10 (engine Nos. 4400-4409) were built by Baldwin in 1930. The Southern Pacific ordered 60 more (Nos. 4410-4469) from Lima Locomotive Works of Ohio between 1937 and 1943.

We can't see the engine number here, but if it was manufactured by Lima and photographed in May 1941, as indicated, then it was either among the first 20 ordered from Lima (Nos. 4410-4429), built in 1937, or it was brand new 20 more were delivered in April and May 1941 (Nos. 4430-4449).

The Saugus train station opened June 21, 1888, the Southern Pacific Railroad having completed its spur line to Ventura in 1887 along the present-day alignment of Magic Mountain Parkway to State Route 126 through Castaic Junction, Camulos, Piru, Fillmore, Santa Paula and Saticoy &mdash where the SP also erected depots or sidings of various size.

The large, two-story Saugus depot followed a "Common Standard" set of SP blueprints and stood at the southeast corner of present-day Drayton Street and Railroad Avenue (previously San Fernando Road). Tolfree's Saugus Eating House occupied the north side of the depot until 1916 when it moved across the street into its own building and became the Saugus Café (the name had been in use since 1899).

President Benjamin Harrison came through (without stopping) in April 1891, and Theodore Roosevelt is said to have been met at the depot by California governor and Acton gold mine owner Henry T. Gage in 1903. Twenty years later, Charlie Chaplin used the depot in "The Pilgrim," and in 1954 another U.S. president was scheduled to stop at the depot but the feds caught wind of an assassination attempt in time. Of course, this last one was Hollywood fiction the movie was "Suddenly" and the assassin was played by Frank Sinatra. Saugus and Newhall were used extensively as the film locations.

Passenger service ended in April 1971 and the last station agent, James "Bob" Guthrie, shuttered the depot for good on Nov. 15, 1978. Facing demolition by the SP, the depot was rescued in 1980 through a fundraising effort organized by the Santa Clarita Valley Historical Society, then just 4½ years old. During the night of June 24-25, 1980, it was moved two miles south to the society's home at Heritage Junction at William S. Hart County Park in Newhall, where its film career continued (e.g., "The Grifters" with John Cusack and Angelica Huston, 1989).

Today the depot is an educational venue for visiting elementary school students and patrons of the SCV Historical Society's lectures and film showings, as well as the home to the society's offices, collections, meetings, and the community's "temporary" history museum while the Pardee House at Heritage Junction is turned into a permanent museum facility.


Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da lwd » Thu Jun 28, 2012 4:37 pm

Acutally the LW didn't prove itself very effective at Dunkirk or Norway or even Crete vs warships at speed with a decent supply of AA ammo and the ability to maneuver at will. Most of the hits on those three occaisons came from warships that were stopped or moving slowly, or had very limited AA ammo, or were overcrowded with evacuees.

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da lwd » Thu Jun 28, 2012 4:45 pm

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da lwd » Thu Jun 28, 2012 4:52 pm

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da Francis Marliere » Thu Jun 28, 2012 4:53 pm

I fear that crossing the Channel during darkness would be a very difficult task. I even wonder if it is possible : towed barges are awfully slow and may not reach English coast before daylight. I can't imagine that towing vessels could navigate accurately and many barges would be lost to collisions and cutted tows. I can't neither imagine that convoy reach the good beaches at the right time. We all know that marines often landed on the wrong beach by day despite having specialised amphibious crafts, training, doctrine and support. How could the German perform better without landing craft, training or doctrine ?
Crossing the Channel by night implies that the convoy is left without LW support against a probable attack by surface ships.

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da alecsandros » Thu Jun 28, 2012 5:02 pm

During the evacuation, Ju87s attacked only in 2 or 3 days, because of bad weather.
Even so, 9 destroyers were sunk, (6 British, 3 French) despite heavy opposition by the RAF.

My question would be: how many warplanes were actualy used to attack the ships at Dunkirk ?

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da lwd » Thu Jun 28, 2012 9:53 pm

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da alecsandros » Fri Jun 29, 2012 9:57 am

I don't see any addition to our discusiion. Anzi.

And the question remains : exactly how many dive-bombers actualy participated in the Dunkirk and Crete attacks ?

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da Francis Marliere » Fri Jun 29, 2012 10:45 am

I would like to point out once again that if Ju 87 could attack only 2 or 3 days during the Dunkirk evacuation because of bad weather, they may not be able to destroy every British ship attempting to attack the invasion convoy. The Germans were strong and smart at this time but did not control the weather .

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da alecsandros » Fri Jun 29, 2012 10:49 am

I would like to point out once again that if Ju 87 could attack only 2 or 3 days during the Dunkirk evacuation because of bad weather, they may not be able to destroy every British ship attempting to attack the invasion convoy. The Germans were strong and smart at this time but did not control the weather .

Assolutamente.
But that's why weather reports were so important and demanded by high command.

ANy invasion would be planned only after some clear meteo reports, if only for the reason that the shps couldn't operate to well in rough, or even in moderate seas.

Thus, at any other kind of weather, the invasion ships would be in harbors.

They woudl wait until the weather would be fine, and then loaded and sent to invade. Thus air support would be effective.

Re: 3 German battleships in May 1941.

Posta da Francis Marliere » Fri Jun 29, 2012 11:29 am


Guarda il video: 1941. Фильм третий Оглушительное молчание полный выпуск


Commenti:

  1. Faenos

    Scusa, che interferisco, ma è necessario per me un po 'più di informazioni.

  2. Kanris

    è impossibile discutere all'infinito

  3. Kayde

    How should you assess your question?

  4. Connacht

    Credo che ti sbagli. Sono sicuro. Posso dimostrarlo. Inviami un'e -mail a PM, parleremo.

  5. Zulujin

    Questa è la risposta semplicemente straordinaria



Scrivi un messaggio