Carro medio M4A2E1

Carro medio M4A2E1


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Carro medio M4A2E1

Il carro armato medio M4A2E1 era una versione del carro armato Sherman che era alimentato da un motore General Motors sviluppato da un motore diesel marino.

Il General Motors 16-184A era un motore diesel marino verticale a quattro bancate da 16 cilindri, prodotto per l'uso negli inseguitori di sottomarini da 110 piedi della Marina degli Stati Uniti. Il V8-184 è stato sviluppato da GM come progetto privato, ed era praticamente la metà del 16-184A. Era un motore V-8 raffreddato ad acqua che forniva 600 CV lordi a 1.800 giri/min.

Nel settembre 1943 l'Ordnance Committee decise di ordinare il V8-184 e installarlo in un carro medio. Due motori erano stati consegnati nel febbraio 1944 e uno era installato su un M4A3. Ciò richiedeva l'aggiunta di altri 11 pollici sul retro del serbatoio e il tipo aveva una piastra posteriore inclinata.

Il prototipo è stato sottoposto a test presso l'Aberdeen Proving Ground tra maggio 1944 e marzo 1945. Ha guadagnato la designazione M4A2E1 il 20 luglio 1944, durante questi test.

Il nuovo motore si è comportato bene. Aveva un elevato rapporto peso/potenza e forniva all'M4A2E1 prestazioni molto migliori rispetto allo Sherman standard. Durante i test il serbatoio ha percorso 2.914 miglia senza seri problemi. Alla fine delle prove è stato suggerito di approfondire la ricerca sull'uso dei motori diesel a due tempi nei serbatoi, mentre il motore marino 16-184A è stato considerato per l'uso nei serbatoi pesanti.


Carro d'assalto medio per gli inglesi

Quando la missione militare britannica arrivò negli Stati Uniti alla fine del 1940, si aspettava che la produzione di carri armati britannici iniziasse nelle fabbriche americane. Il piano era di ripetere la situazione della prima guerra mondiale, quando gli Stati Uniti costruirono progetti britannici e francesi. Tuttavia, nei 20 anni trascorsi gli Stati Uniti si sono trasformati in una potente nazione industriale, in grado di sviluppare armi che, per lo meno, non erano peggiori di quelle britanniche. L'idea di produrre carri armati britannici fu rifiutata, il che non impedì agli inglesi di ordinare il Grant I, una versione britannica del carro medio americano M3. Gli inglesi ordinarono anche carri armati speciali d'assalto. Diamo un'occhiata al Carro armato d'assalto T14 e il suo compagno, il A33 Excelsior.

Un'alternativa all'Excelsior

Come sai, gli inglesi avevano tre tipi di carri armati durante la seconda guerra mondiale: leggeri, incrociatori e carri armati di fanteria. La produzione di carri leggeri cessò abbastanza rapidamente. I carri armati degli incrociatori erano molto mobili, ma la protezione era scarsa. Di conseguenza, erano vulnerabili anche ai cannoni anticarro leggeri (calibro 37-50 mm). I carri armati di fanteria erano l'opposto: la protezione era fondamentale a scapito della mobilità. I carri armati di fanteria erano pensati per campi di battaglia simili a quelli visti nella prima guerra mondiale.

I combattimenti in Francia hanno dimostrato che il concetto di carro armato di fanteria era un errore. I tedeschi trovarono rapidamente un modo per affrontare il carro armato di fanteria Mk.I e persino il superiore carro armato di fanteria Mk.II. Quest'ultimo, meglio conosciuto come Matilda, fu riabilitato in Nord Africa durante l'Operazione Compass, dove poterono combattere senza paura. Questa serie di buona fortuna terminò nell'estate del 1941, quando iniziò il combattimento su vasta scala contro l'Africa Corps tedesco. Il problema non era solo nel miglior addestramento delle forze tedesche rispetto agli italiani, ma migliori armi anticarro. Con una velocità massima di 20-25 km/h, i carri armati di fanteria costituivano un eccellente bersaglio su terreno aperto. Questo valeva anche per il carro armato Valentine, che fece il suo debutto nella seconda metà del 1941.

Carro armato d'assalto A33 Excelsior, l'analogo britannico del T14. Il primo prototipo aveva lo stesso telaio del T14

Naturalmente, l'esercito britannico non è rimasto fermo. Dopo aver analizzato l'esperienza in battaglia, sono giunti alla conclusione che uno dei maggiori problemi con i carri armati di fanteria era la loro scarsa mobilità. Naturalmente, la produzione di carri armati di fanteria non si fermò e un terzo carro di fanteria, il Churchill, entrò ancora in produzione. Tuttavia, sono iniziati i lavori su un'alternativa. Questo carro doveva combinare le migliori qualità di incrociatori e carri armati di fanteria: corazza spessa e buona mobilità. Non sorprende che il più recente carro armato incrociatore, l'A27 o Cromwell, sia stato preso come punto di partenza.

Diversi carri armati d'assalto sul telaio Cromwell furono presi in considerazione nel 1941-42. È stato scelto l'A33 sviluppato da English Electric. Questo serbatoio, noto come Excelsior, era l'unico costruito in metallo. L'influenza americana era già avvertita a questo punto. Sono state utilizzate le sospensioni e i cingoli dell'Heavy Tank T1, meglio conosciuto come Heavy Tank M6. Oltre a utilizzare una soluzione collaudata, gli inglesi hanno anche migliorato la comunanza delle parti, poiché erano previste spedizioni dell'M6 tramite Lend Lease.

Il primo prototipo Assault Tank T14, fabbrica ALCo, estate 1943

L'uso degli elementi di trasmissione del carro pesante T1 fu solo l'inizio della cooperazione anglo-americana sui carri armati d'assalto. I negoziati tra la British Tank Mission e l'American Ordnance Committee per condurre lo sviluppo congiunto di un carro armato d'assalto iniziarono nel 1942. Gli inglesi decisero di avere un piano di riserva. Avevano motivi più che sufficienti per essere preoccupati: il programma A27 era in stallo, per non parlare del carro armato d'assalto sul suo telaio. Anche la capacità dell'industria dei carri armati britannica non era illimitata e sarebbe stato improbabile che gli americani accettassero di produrre un progetto britannico.

Il risultato è stato quello di sviluppare un analogo dell'A33 sul telaio dell'American Medium Tank M4. A differenza del Medium Tank M3, questo carro aveva il cannone principale nella torretta e le sue caratteristiche superavano quelle dei carri britannici. Il 30 marzo 1942 si tenne un incontro tra i rappresentanti della British Tank Mission, dell'Aberdeen Proving Grounds e dell'Ordnance Committee. Fu presa una decisione finale in merito allo sviluppo di un carro armato d'assalto. Due prototipi ciascuno dell'A33 e dell'analogo americano sarebbero stati costruiti e testati insieme. Gli inglesi sceglierebbero quindi il veicolo più adatto a loro.

Un carro pesante da uno medio

Lo sviluppo di un analogo americano dell'A33 è stato affidato all'Aberdeen Proving Grounds. L'Ordnance Committee diede a questo carro l'indice T14 nel maggio del 1942. Non fu un compito facile. L'aumento della massa ha fatto sì che la sospensione del Medium Tank M4 non potesse essere riutilizzata così com'è. Nessuno dei motori esistenti era accettabile, poiché il carro non necessitava solo di armatura, ma di mobilità. Era richiesta una velocità massima di 24 miglia (38,5 km/h) all'ora e i requisiti per l'armatura determinavano un aumento di massa di circa 15 tonnellate. Il carro armato medio M4 doveva essere seriamente rielaborato.

Il serbatoio si è rivelato significativamente più basso del Medium Tank M4. L'altezza del T14 era di poco meno di 2,5 m

Una bozza del progetto Assault Tank T14 è stata preparata da APG nel giugno del 1942. La proposta iniziale utilizzava balestre in bogey simili a quelli utilizzati dall'M4. Il Ford GAA, utilizzato per alimentare l'M4A3, era il motore più adatto. Tuttavia, non era abbastanza potente e la proposta includeva la sovralimentazione a 520 CV. Questa variante è stata chiamata Ford GAZ. L'APG ha anche proposto di sostituirlo in seguito con un motore V12, che non era ancora disponibile.

La trasmissione è stata presa dalla M4, ma modificata per supportare il motore più potente e la massa più pesante. Lo scafo e la torretta sono cambiati in modo significativo. L'A33 ha utilizzato lo scafo del Cromwell come punto di partenza, ma i progettisti americani hanno agito diversamente. Lo scafo del T14 era più lungo, più largo e più basso. Questo era essenzialmente un nuovo carro armato che utilizzava alcuni componenti dell'M4. Gli ingegneri americani hanno affrontato il compito di migliorare l'armatura in modo molto razionale. Invece di schiaffeggiare semplicemente più armatura tutt'intorno, l'aumento della protezione è venuto dall'inclinazione dell'armatura. Lo spessore della piastra anteriore era lo stesso della M4 (51 mm), ma era inclinato di 60 gradi rispetto alla verticale. Il maggior aumento di massa è venuto dai lati meglio protetti. I lati superiori sono diventati spessi 51 mm e inclinati di 30 gradi. L'attrezzatura da corsa era protetta da un'armatura della gonna. Lo spessore totale era di 76 mm. La parte più spessa dello scafo era il coperchio della trasmissione: 102 mm. Il supporto della mitragliatrice di prua, i portelli del guidatore e dell'assistente del guidatore e il vano motore sono cambiati drasticamente.

La variante finale del T14 utilizzava cingoli e ruote da strada dell'Heavy Tank M6

Anche la torretta è stata significativamente modificata. L'anello della torretta è rimasto lo stesso, ma la torretta è diventata molto più grande. Ciò era dovuto a un'armatura molto più spessa (102 mm invece di 76) ea una certa vaghezza riguardo all'armamento. Il piano iniziale era di dotare il carro di un cannone da 75 mm, ma nel luglio del 1942 fu introdotta un'opzione alternativa, un obice da 105 mm. Fu considerata un'opzione anche un cannone da 90 mm con balistica antiaerea. Le idee di cannoni aggiuntivi sono rimaste sulla carta, ma hanno comunque portato a una torretta più grande, che ha comportato un aumento della massa.

Il serbatoio era alimentato da un motore Ford GAZ (Ford GAV sovralimentato) da 520 CV

Il livello di interesse che gli inglesi riscossero in questo carro armato è evidenziato dal fatto che nel maggio del 1942 furono fatti piani per ordinarne 8500. Gli stessi americani erano scettici. Non si aspettavano che l'esercito americano avesse bisogno di un simile carro armato. L'Assault Tank T14 veniva costruito esclusivamente per le esigenze britanniche. Nel frattempo, il progetto continuava a cambiare e fu approvato solo nell'aprile del 1943. Il telaio nel frattempo cambiava notevolmente. Le ruote da strada e le sospensioni provenivano dall'Heavy Tank M6 (T1 nei documenti). Invece di un Browning M2HB, fu usato il più comune M1919A4, ma con una vista che i carri armati americani non avevano. La pistola AA è stata anche sostituita con un M1919A4. Anche l'approccio alla costruzione degli scafi è cambiato: i prototipi avrebbero gli scafi saldati, ma i serbatoi di produzione avrebbero gli scafi fusi.

Rinforzo senza successo

A partire dal giugno 1942, l'Aberdeen Proving Grounds non era più solo nel suo lavoro sull'Assault Tank T14. L'American Locomotive Factory (ALCo) fu scelta come appaltatore per la produzione del carro. Questo non era nuovo per loro: ALCo era già coinvolto nella produzione di M4A2, con i primi serbatoi usciti dalle linee di assemblaggio nel settembre del 1942. ALCo era anche responsabile degli ultimi ritocchi al progetto. A causa di varie correzioni apportate al progetto T14, ALCo avrebbe iniziato la produzione entro l'inizio dell'estate del 1943. Anche i lavori sull'A33 procedevano a rilento: English Electric assemblava il primo prototipo l'11 novembre 1943, sei mesi dopo.

Il primo prototipo dell'Assault Tank T14 all'Aberdeen Proving Grounds, 2 agosto 1943

La massa finale del T14 era di poco superiore a 42,6 tonnellate. Questo era di 2 tonnellate in più dell'A33, ma ricorda che l'antenato dell'A33 era 3 tonnellate più leggero dell'M4. Il rapporto peso potenza è stato di 12,2 CV/tonnellata, risultato accettabile considerando l'aumento della protezione. La capacità di munizioni era leggermente inferiore a quella dell'M4: 90 colpi da 75 mm e 9000 colpi di mitragliatrice. Un lanciatore di bombe da 2 pollici britannico è stato montato sul tetto della torretta con 12 colpi immagazzinati a bordo. Dal momento che il carro è stato costruito per gli inglesi, aveva una radio britannica: il Wireless Set No.19, una tipica radio per carri armati britannici dell'epoca. C'era anche un contenitore in stile britannico dietro il trambusto della torretta.

Un contenitore dietro il trambusto della torretta, una caratteristica tipica dei carri armati britannici

Il carro armato d'assalto T14 con numero di registrazione 3062372 arrivò all'Aberdeen Proving Grounds il 29 luglio 1943, dopo aver superato le prove di fabbrica. Il carro aveva già percorso 160 km. Il secondo prototipo arrivò un mese dopo, il 26 agosto, con 133 km sul quadrante. Nonostante i piani iniziali, il carro non è stato inviato immediatamente nel Regno Unito, ma è stato prima sottoposto a test presso l'Aberdeen Proving Grounds. Il primo carro ha percorso 562 km, il secondo 770 km.

Oltre al cannone e alle mitragliatrici, il T14 aveva un lanciabombe nel lato sinistro della torretta

Il serbatoio ha raggiunto una velocità massima di 38,5 km/h su un'autostrada in cemento. Questa è stata una buona prestazione, ma un risultato raro da parte del carro armato. Le prove del T14 si sono trasformate in un calvario. I problemi con il carrello e la trasmissione sono iniziati non appena il serbatoio ha lasciato l'autostrada. Le prove fuoristrada di 14 ore che hanno dovuto essere interrotte dopo appena 5 ore sono un buon esempio. Le ruote da strada che hanno sostenuto con successo il peso della M6 sono state rapidamente deformate sul veicolo più leggero. Le tracce hanno anche dato grossi problemi. Le prove hanno dimostrato che i cingoli scivolano via facilmente, specialmente su terreni soffici. Rimontarli è stato molto difficile. La parte anteriore del serbatoio si è sporcata di fango durante la guida. I parafanghi anteriori sono stati cambiati sul primo prototipo per aiutare in questo.

Condizioni delle ruote stradali dopo aver guidato per sole 5 ore in fuoristrada

Ci sono state lamentele non solo per il carrello, ma anche per l'armamento. Il supporto della pistola ad arco aveva molti problemi. Era impossibile rimuoverlo senza togliere il mirino. Il rigonfiamento per ospitare la pistola dell'arco ha indebolito significativamente l'armatura anteriore. Il pessimo design dell'attacco della pistola dell'arco ha anche minacciato di ferire l'assistente pilota molto prima che arrivasse sul campo di battaglia. Anche il sistema di ventilazione è stato pesantemente criticato. Prove d'artiglieria hanno mostrato che una quantità significativa di fumi si accumulava all'interno del serbatoio durante lo sparo, al punto che era impossibile rimanere all'interno, un risultato curioso considerando la presenza di due aspiratori. Sono stati anche presentati reclami sui mirini e anche le rastrelliere per le munizioni hanno ricevuto recensioni tutt'altro che favorevoli.

Le piste che scivolano erano un fenomeno comune quando si trattava del T14

I processi terminarono il 15 novembre 1943 e portarono a un verdetto sfavorevole. I tester hanno ritenuto che il progetto non avesse avuto successo. Le prove di affidabilità di 2000 miglia sono state terminate prematuramente a causa di una grande quantità di problemi con entrambi i serbatoi. Durante le prove venivano costantemente apportati miglioramenti, ma non aiutarono molto. Il primo prototipo è stato inviato a Fort Knox dove sono state eseguite ulteriori prove. Il carro in seguito tornò all'Aberdeen Proving Grounds, dove fu demolito all'inizio degli anni '50. Il secondo prototipo è stato più fortunato. Dopo le riparazioni, è stato inviato nel Regno Unito nel dicembre del 1943. Anche i clienti si sono rivelati scontenti del serbatoio. Tuttavia, l'A33 soffriva degli stessi problemi. Anche l'utilizzo di una sospensione diversa sul secondo prototipo non ha dato buoni risultati.

L'ultima foto del primo T14. Molti carri armati all'Aberdeen Proving Grounds furono demoliti nei primi anni '50, incluso questo

Ufficialmente, il programma Assault Tank T14 fu chiuso il 14 dicembre 1944, ma in realtà i lavori si fermarono molto prima. L'idea di un carro armato d'assalto si rivelò fallimentare, almeno dal punto di vista britannico. Gli inglesi non furono particolarmente delusi. Il Churchill, che sarebbe stato sostituito dall'A33 o dal T14, si rivelò un carro armato molto migliore e combatté fino alla fine della guerra. Per quanto riguarda gli americani, hanno affrontato il problema da un'altra angolazione, creando il Medium Tank M4A3E2, un Medium Tank M4A3 con una corazza migliorata. Questo carro armato è stato utilizzato con successo nel 1944-45. Per quanto riguarda il secondo prototipo del T14, è ora in deposito presso il Bovington Tank Museum. Sta accanto al suo compagno di sventura, il secondo prototipo di A33.

Tradotto da Pietro Samsonov. Leggi articoli sui carri armati più interessanti sul suo blog Tank Archives.


Armamento [ modifica | modifica sorgente]

L'M4A3E2 da 76 mm è dotato di una pistola M1 da 76 mm per il suo cannone principale, questa pistola è in grado di ingaggiare armature nemiche pesanti, medie e leggere. Il cannone da 76 mm può penetrare l'armatura frontale di un Tiger I. Questo vale anche per l'armatura frontale del Panther. Entrambi i proiettili AP e HE sono disponibili per l'uso, con HE che è più efficace contro la fanteria con il suo grande danno da schizzi.

L'M4 dispone anche di due mitragliatrici Browning M1919, una montata sullo scafo e controllata dal Tank Driver, e l'altra è fissata sulla torretta, controllata dal Tank Gunner. Hanno una capacità di munizioni di 200 colpi prima di dover ricaricare con un totale di 5 scatole di munizioni, permettendoti di mettere una raffica costante di fuoco soppressivo sulla fanteria nemica.


8 pensieri su &ldquo M4A3E8 Thunderbolt VII – American Premium Medium – Statistiche complete e armatura &rdquo

Finalmente. Non vedo l'ora di un rilascio. Dal momento che è completamente strutturato, probabilmente lo sarà presto.

Ok, WG, finalmente ti meriti i miei complimenti. Questa serie Ace Tank è un'ottima idea. Voglio questo serbatoio di sicuro nel mio garage. E aspetterò gli altri.

Questo carro sarebbe più appropriato come livello 7 con un matchmaking speciale, credo.

Immagino che ci divertiremo di più come livello 6 e 8230 sì, il livello 6 è fantastico, è lì che quell'armatura può davvero funzionare, quando l'ho vista per la prima volta pensavo … hummm è possibile l'M4 90V? Dovrebbe esserci uno Sherman con l'M3 da 90 mm con torretta T26.

Non sarà un livello 7. Ha meno punti ferita rispetto alle prossime luci di livello 7.

Sono un po' d'accordo su questo, sembra un po' meglio dei normali M4 al livello 6, ho fatto un commento con la maggior parte delle differenze nel post di Facebook. Sfortunatamente wargamming ha detto che non ci saranno più carri armati con matchmaking speciale, quindi … Penso che questa idea non sia possibile… e probabilmente hanno bisogno di nerfarla un po'. Ma potrei sbagliarmi, queste sono solo statistiche iniziali, aspetta e vedrai…


Task Force DOLVIN

LTC Welborn G. "Tom" Dolvin, USMA 1939. LTC Dolvin, un veterano della seconda guerra mondiale del 191° Battaglione carri armati, aveva già esperienza contro i nordcoreani dopo aver guidato l'evasione del 25° ID dal perimetro di Pusan ​​nel settembre 1950.

Il tenente colonnello (LTC) Welborn G. "Tom" Dolvin, un veterano di combattimento del teatro europeo della seconda guerra mondiale, stava giocando a golf a Fort Benning, in Georgia, il 12 luglio 1950, quando arrivò un messaggero con l'ordine di cambiare il suo incarico dall'Austria al Giappone. Doveva comandare l'8072a unità dell'esercito (AU) dell'ottava armata, il battaglione di carri medi in Giappone. Una settimana dopo, LTC Dolvin arrivò in Giappone e scoprì che il suo battaglione conteneva sei ufficiali e sessantacinque soldati dell'ottava armata e nove ufficiali e centoquarantasei soldati della 2a divisione corazzata, Fort Hood, in Texas. La sua principale forza di combattimento erano tre compagnie di carri medi, una compagnia (diciassette carri armati) era equipaggiata con M26 Pershing (cannone principale da 90 mm) le altre due (trentaquattro carri armati) con M4A3E8 Shermans (cannone principale da 76 mm). A completare la potenza di fuoco del battaglione c'era un plotone di cannoni d'assalto con tre carri armati obici M45 da 105 mm. Una varietà di altri veicoli a ruote e cingolati come M39 Armored Utility Vehicles e M3 (Scout Car) e M4A1 (81 mm Mortar Carrier) supportavano tutti gli altri elementi di combattimento.

Articolo principale

Barre laterali

Note di chiusura

Il 31 luglio 1950, il battaglione non era tutto insieme. Una compagnia era a Pusan. Il resto è stato distribuito da Camp Drake (Tokyo) a Masan, in Corea. Solo una parte del personale e dell'equipaggiamento assegnati erano pronti per il combattimento. Il 4 agosto 1950, l'8072° AU MTB si riunì a Pusan ​​e tre giorni dopo divenne l'89° Battaglione Carri Medi. Con la ridesignazione è arrivata la riorganizzazione. A differenza dei battaglioni di carri armati nelle divisioni di fanteria degli anni '50, l'89° sarebbe organizzato come una MTB della seconda guerra mondiale con quattro compagnie di carri armati invece di tre. 1 Ciò ha permesso a Dolvin di addestrare la sua unica compagnia di Pershing e tre compagnie di Sherman in un'area sicura mentre li ruotava dentro e fuori dalla linea per il riposo e la manutenzione. 2

1 Arthur W. Connor, Jr., "The Armor Debacle in Korea, 1950: Implicazioni per oggi". Parametri, estate 1992, 72. www.usamhi.army.mil/usawc/Parameters/1992/1992%20connor.pdf .

2 Connor, "The Armor Debacle in Korea, 1950", 73.

C'erano due TF DOLVIN. TF DOLVIN I guidò l'evasione della 25a ID dal perimetro di Pusan ​​per proteggere la parte sud-occidentale della Corea da Chinju a Hamyang e Namwon (dal 26 al 30 settembre 1950). 3 TF DOLVIN II condusse il 25esimo ID drive a nord fino al fiume Yalu. TF DOLVIN II aveva questi elementi:

3 Roy E. Appleman, L'esercito degli Stati Uniti nella guerra di Corea. A sud del Naktong, a nord dello Yalu (giugno-novembre 1950), (Washington, DC: Ufficio del capo del dipartimento di storia militare dell'esercito, 1961), 579.

  1. B Company (-), 89th Medium Tank Battalion (MTB) (M4A3E8) con l'8213th (Ottava Armata) Ranger Company annessa
  2. Compagnia E, 27° reggimento di fanteria con l'89° plotone di cannoni d'assalto MTB attaccato
  3. Compagnia B, 35° Reggimento Fanteria con 1° Plotone, Compagnia B, 89° MTB annesso
  4. Compagnia di ricognizione della 25a divisione di fanteria
  5. Plotone di ricognizione, 89° MTB 4

4 TF DOLVIN II era il risultato del 25th ID Operations Order 15 del 21 novembre 1950. Robert W. Black, Rangers in Korea (New York: Ivy Books, 1989), 31.

Il maggiore generale William B. Kean comandò la 25a divisione di fanteria dall'inizio della guerra di Corea il 25 giugno 1950 fino all'operazione RIPPER il 5 marzo 1951.

Dopo aver sostenuto gli attacchi dell'Ottava Armata Ranger Company alle colline 222 e 205, TF DOLVIN II rimase intatto fino a dopo l'offensiva di seconda fase delle forze comuniste cinesi (CCF) nella notte tra il 25 e il 26 novembre 1950. Preoccupato che il CCF avrebbe iniziato un attacco diretto al centro della 25a ID, il comandante della divisione, il maggiore generale (MG) William B. Kean, prese due decisioni importanti. In primo luogo, annullò i piani per continuare l'avanzata verso nord la mattina del 26 novembre 1950 e, in secondo luogo, creò la Task Force WILSON sotto il comando del generale di brigata (BG) Vennard Wilson, l'assistente comandante della divisione. La TF WILSON unì il 1° Battaglione, il 24° Fanteria e tutti gli elementi della TF DOLVIN II ad eccezione dei Rangers (che divennero la 25a forza di sicurezza dell'ID). LTC Dolvin divenne in seguito Capo di Stato Maggiore della 25a ID fino alla fine del 1951, quando fu riassegnato all'Ufficio del Capo della Ricerca e Sviluppo dell'Esercito degli Stati Uniti a Washington.

89° Battaglione Carri Medi

Carro armato M26 Pershing. Trattenuto dalla seconda guerra mondiale per il servizio in Corea, l'età del Pershing ha contribuito ai suoi numerosi problemi meccanici. Alla fine fu sostituito dal carro armato M46 Patton a partire dal 1951. M4A3E8. Soprannominato "Easy Eight", questo carro era la versione migliorata dell'M4 Sherman della seconda guerra mondiale. Armato con un cannone principale da 76 mm, fu anche sostituito dall'M46 Patton. Serbatoio obice M45. Questo era un obice da 105 mm montato nella torretta e nello scafo di un telaio Pershing M26. È stato trovato nel plotone di cannoni d'assalto del Battaglione Carri Medi.

Compagnia di ricognizione della 25a divisione di fanteria


Carro medio M4A2E1 - Storia

Autore: Priory_of_Sion

Coloro che giocano a WoT da un po' dovrebbero riconoscere il nome "T23". Il T23 era un medio americano di livello 8 prima dell'M46 e dell'M48. Sin dalla rimozione del T23, c'è stato molto supporto da parte dei giocatori per ripristinare il T23 come American Premium di livello superiore.

C'è un problema in questo però, oltre al fatto che WG non ha piani attuali per questo. Come dovresti sapere, i veicoli premium di solito vengono mantenuti esattamente come erano / supponevano che fossero nella vita reale. Il T23, come era nella vita reale, sarebbe terribile come qualsiasi cosa oltre il livello 6.

Il T23 è stato sviluppato nel 1943 e all'epoca era un carro perfettamente funzionante. Era equipaggiato con il cannone M1A1 da 76 mm e aveva 500 cavalli lordi. Il primo pilota T23 è stato dotato di una torretta fusa prodotta rapidamente, la coppia successiva di piloti è arrivata con la stessa torretta del T20 (torretta di serie in WoT), e gli ultimi piloti e la serie di produzione del T23 sono stati dotati di una nuova torretta ( utilizzato negli ultimi M4 Sherman).

Lo stesso T23 non è un candidato adatto per il livello 7 o 8 principalmente a causa della pistola. Un T23 o T23E3 premium non sarebbe più/meno un M4A3E8 con meno RoF e una velocità massima più elevata. Il T23/T23E3 sarebbe un buon premio di livello 6, al livello 7 è un T20 di serie con una migliore virata pur essendo superato dalla maggior parte dei carri armati di livello 6, al livello 8 sarebbe semplicemente foraggio.

Ora nel luglio 1943 il T23E3 doveva essere accettato in servizio come M27. La dannata burocrazia dell'esercito ha rovinato il proposto M27. Se avesse visto la produzione, l'M27 avrebbe portato negli Stati Uniti una potenza di fuoco che non è stata vista fino alla fine del 1944 sotto forma di Sherman armati da 76 mm. Il telaio T23 è stato successivamente sviluppato e lavorato con e ha costituito la base del M26 Pershing (T25 Medium Tank).

Se volessi davvero il T23 come era di nuovo nel gioco, avresti bisogno che fosse un veicolo ricercabile. Lo chiamerei personalmente T23E3 o M27 per essere più precisi. Per quanto ne so, WG dà ai carri armati un certo margine di manovra se non vedono la produzione e li modifica ipoteticamente mentre aggiungono moduli non storici (a proposito, lo fanno a tutte le nazioni), ma gli ipotetici aggiornamenti sono logici se quel veicolo è stato sviluppato per un periodo di tempo più lungo. Quindi, se reintrodotto, il T23E3/M27 potrebbe essere armato con il cannone M3 da 90 mm o anche il cannone T54 da 90 mm (stessa balistica dei cannoni T15 da 90 mm in un pacchetto più piccolo), potrebbe persino montare un cannone più grande/più potente motore come il vecchio tier 8 T23.

Questo T23E3/M27 con miglioramenti logici e ipotetici sarebbe un ottimo veicolo di livello 7 o 8 in una linea media americana alternativa. C'è un'abbondanza di altri carri medi americani là fuori e potrebbe essere facilmente fatto per creare una nuova linea. Si spera che un giorno il T23 tornerà a WoT come veicolo premium di livello 6 o come veicolo di livello superiore in una nuova linea media americana.

Ora, per chi è deluso dal fatto che il buon vecchio T23 sarebbe tornato come premium di livello 7/8, rallegratevi. Come ho detto nell'ultimo paragrafo, gli Stati Uniti hanno un'abbondanza di carri medi e ognuno di essi potrebbe riempire il vuoto di un carro premium di livello superiore che funge da vero mezzo (il T26E4 è solo un mezzo di nome). Posso elencare circa una mezza dozzina in cima alla mia testa, tuttavia non voglio rovinare nessun articolo futuro.


Imbracatura dell'armatura

la maggior parte dei veicoli corazzati utilizzava un tubo flessibile in ottone intrecciato con un raccordo "tubo da giardino" saldato all'estremità. il collegamento elettrico era di solito un connettore bakelight con viti di fissaggio molto piccole per il filo. e un raccordo scorrevole sulla sezione della vite di fermo.


(Storia alternativa) - Carro pesante M6A2E8 Liberty II

Il carro pesante M6A2E8 Liberty II. Il Libertà II fu progettato nell'agosto del 1941 quando il Dipartimento della Guerra richiese un veicolo pesante da sfondamento per supportare il carro medio M3 Lee, e successivamente il carro medio M4A1 Sherman, i carri armati leggeri Stuart e la fanteria. Simile a come l'esercito tedesco avrebbe poi utilizzato il carro pesante Tiger, la nuova dottrina degli Stati Uniti, adottata all'inizio del 1939, prevedeva che il veicolo fosse utilizzato per creare sfondamenti corazzati, dove carri armati leggeri e fanteria, supportati da carri armati medi/fanteria , sfrutterebbe queste scoperte. Queste tattiche divennero comuni, e persino standard, durante il periodo tra le due guerre tra gli anni '20 e '30, con i carri armati di sfondamento come i carri armati britannici Mark, mentre la fanteria sarebbe stata supportata da carri armati come il Whippet medio e l'FT-17. Il veicolo inizialmente presentato per ricoprire questo ruolo era l'Heavy Tank M6, presentato nel 1939, ma l'esercito degli Stati Uniti trovò che l'M6 non era soddisfacente.

Questo ha portato alla Libertà II, che si basava sull'originale M6 (evidente dalla sua designazione). Il carro armato, chiamato Heavy Tank T2, era uno scafo M6 ridisegnato accoppiato con un prototipo di sistema di sospensione HVSS, un preludio alle successive sospensioni HVSS utilizzate sulle varianti M4A1E8, M4A2E8 e M4A3E8 della serie Sherman. La variante iniziale, denominata T2E1, mantenne la stessa torretta dell'M6 ma fu spostata leggermente in avanti. Due di questi prototipi furono costruiti nel marzo del 1942 e videro pesanti combattimenti in Tunisia come parte della controparte alleata alla campagna nordafricana italo-tedesca. I carri armati tedeschi non potevano contrastare il carro armato con nient'altro che le postazioni Flak 88 utilizzate nel ruolo anticarro, così come il Tiger una volta entrato in servizio nel 1942. A questo punto, l'esercito degli Stati Uniti gli diede la designazione e il nome M6A2E8 Libertà II, un riferimento al carro armato Mark VIII Liberty. Ne furono costruiti altri tre e tutti e cinque servirono in un punto o nell'altro. Nel 1944, il Libertà II è stato aggiornato con un motore radiale G-200 migliorato (G-200A) e la torretta T23 corazzata dall'M4A3E2 Sherman "Jumbo". La torretta è rimasta nella stessa posizione. Questo è quando è sorto il problema del posizionamento della torretta. Fino a quando il problema non fu completamente risolto, il concetto aggiornato entrò in servizio nel 1944 e integrò la massa dei carri armati alleati in Europa all'epoca, così come nel Pacific Theatre of Operations (PTO), ma solo in piccoli numeri fino al problema della torretta potrebbe essere stirato. Il Libertà II mantenuto lo stesso cannone M7 da 76 mm utilizzato sul modello iniziale, così come il carro pesante M6 e il cacciacarri M10 (attualmente in servizio anche all'epoca), ma il cannone M6 da 37 mm è stato rimosso a causa del cambio della torretta. Il carro armato ha mantenuto l'M7 a causa del nuovo e migliore cannone M1 da 76 mm necessario per aggiornare l'armamento degli Sherman armati da 75 mm. L'M7 è risultato essere ancora un cannone efficace ed è stato tenuto sul carro armato. Il concept del 1944 era inoltre dotato dello stesso HVSS utilizzato sull'M4A3E8 Sherman.

Alla fine della guerra, i problemi con il posizionamento della torretta erano stati risolti. Il motore fu leggermente ridotto nelle dimensioni, pur mantenendo la stessa potenza. La torretta è stata spostata indietro di qualche centimetro, il che ha anche dato all'equipaggio un miglior comfort all'interno del serbatoio. Con questi problemi risolti, l'M6A2E8 lasciò finalmente lo stadio del prototipo ed entrò in produzione su vasta scala per cinque anni, a partire dalla metà del 1945 e terminando nel febbraio del 1950. Il carro fu dotato anche del cannone M1A2 da 76 mm, che ora era in eccedenza con la produzione dell'M4A3E8. Gli "Easy Eight" Sherman e Liberty II erano i modelli di carri armati più numerosi nell'esercito degli Stati Uniti all'inizio della guerra di Corea, seguiti dai cacciacarri M36 "Jackson", M18 Hellcat e M10 "Wolverine" e dall'M24 Chaffee light carro armato. Durante la guerra di Corea, il carro ebbe un enorme successo e gli equipaggi godettero del carro armato più di quanto non lo fecero durante la seconda guerra mondiale. Poiché le forze corazzate delle Nazioni Unite affrontavano a malapena carri armati pesanti comparabili, in genere di fronte a T-34-85 nordcoreani e cinesi, il carro armato sembrava avere più successo. Alla fanteria piaceva il carro armato quando veniva utilizzato anche nel ruolo di supporto della fanteria perché forniva l'armatura che mancava all'esercito quando l'M4A3E2 fu ritirato e l'armatura che mancava agli M4A3E8, oltre ad avere una maggiore capacità anti-fanteria rispetto ad altri carri armati alleati a causa della aggiunta di un Browning M2 duello montato sullo scafo e dello standard M2 montato su perno sui carri armati americani. In casi estremi, sia l'M4A3E8 che l'M6A2E8 sarebbero stati dotati di un M2 a fuoco più veloce, il Browning M3, in sostituzione dell'M2 montato su perno, ma questo era raro poiché la maggior parte degli M3 era necessaria per gli aerei. Vedendo tale successo, l'M4A2E8 prestò servizio nell'esercito e nel corpo dei marine degli Stati Uniti fino al 1957, quando entrambi i Libertà II e la famiglia M4 Sherman erano in pensione, oltre a rimanere nelle unità di riserva del JGSDF fino alla metà degli anni '60 e vedere un uso pesante in ogni guerra israeliana da quando il paese li ha ricevuti. Alcuni M6A2E8 sono stati venduti a paesi del terzo mondo, ma la maggior parte è stata distrutta e alcuni sono stati venduti all'asta come veicoli legali in eccedenza di proprietà civile. Il Brasile è l'unico paese conosciuto per operare ancora il Libertà II, con una decina in deposito di riserva e vengono mostrati spesso durante le parate militari. Ci sono ora considerati veicoli di supporto alla fanteria leggera nell'esercito brasiliano.

Specifiche/Informazioni tecniche

Tipo - Carro pesante
Luogo d'origine - Stati Uniti
------------------------------
In servizio - 1942-1957 (Stati Uniti)
1957-1970 (Altri paesi)

Usato da - Esercito degli Stati Uniti
Corpo della Marina degli Stati Uniti
Forze francesi libere (fornite dagli Stati Uniti)
esercito israeliano
Japanese Ground Self-Defense Force (post-WWII, supplied by the U.S.)
Nazi Germany, Wehrmacht (captured vehicles only)
Brazilian Army

Wars - seconda guerra mondiale
Guerra di Corea
------------------------------
progettista - U.S. Army Ordnance Corps

Produttore - Baldwin Locomotive, Detroit Tank Arsenal (Mostly Baldwin Locomotive due to Sherman production)

No. built - About 10,000

varianti - 3
------------------------------
Il peso - 123,050-126,000 lb (55.82-57.20 metric tons) depending on variant

Lunghezza - 27 ft 8 in (8.43 m) gun forward

Larghezza - 10 ft 3 in (3.12 m) over track armor

Altezza - 9 ft 8 in (2.98 m) to turret roof

Equipaggio - 6 (commander, gunner, driver, assistant driver, loader, assistant loader)
------------------------------
Armamento principale - 1 × 3in (76.2 mm) gun M7 (75 rounds)

1 × 76mm gun M1A2 (75 rounds)

1 × 37mm (1.46 in) gun M6 (202 rounds) [initial model only]

Secondary armament - 3 × .50 cal (12.7呟mm) Browning M2HB machine guns, two hull, one pintle (turret) (10,350 rounds)

1 × .50 cal (12.7呟mm) Browning M3M machine gun, pintle-mounted (turret) [hull duel mount remains]

1 × .30 cal (7.62吻mm) Browning M1919A4 machine gun one fixed (bow)

Motore - 1,823 in 3 (29.88 L) Wright G-200 9-cylinder gasoline (825 hp at 2,300 rpm)

Wright G-200A 9-cylinder gasoline (1,000 hp at 2,300 rpm)

Power/weight - About 15.7 hp/tonne

Transmission - Spicer manual synchromesh transmission, 5 forward and 1 reverse gears

Sospensione - Horizontal volute spring

Ground clearance - 20.5 in (52 cm)

Fuel capacity - 480 U.S. gallons (1,817 L)

Operational Range - 110 miles (160 km)

Armor Values/Information

Armor type - Cast homogeneous armor (Front, transmission area, turret)
Rolled homogeneous armor (Front, Side, Rear, Roof)
------------------------------
Scafo

Davanti - 82.5mm (5-35°)

Transmission
- 101.6mm (5-35°)


M4A3E2 Sherman “Jumbo” Tank – Camp Ripley, MN

Jumbo Sherman Tank located at Camp Ripley near Little Falls, MN. Pictures taken in 10/13/2010. Author: Unknown.

This Jumbo Sherman tank is displayed in the outdoor area of the Minnesota Military Museum on the grounds of the National Guard’s Camp Ripley near Little Falls, MN. The museum is a must see both for the many outside displays of tanks, weapons, vehicles and aircraft, but for the indoor displays of uniforms, weapons and artifacts highlighting US military history from the early frontier days to present day.

The information sign reads:

“Jumbo” Sherman Assault Tank (M4A3E2)

The M4 tank, known as the “Sherman”, was the most common tank used by U.S. forces in World War II. There were many models and variations in the M4 series. The M4A3E2 displayed here was built in June 1944 to provide close infantry support in the Normandy campaign. Additional armour was welded to all frontal surfaces, turret, sideplates and hull top of the M4A3 medium tank in order to create a heavy assault tank. It weighed 10 tons more than the standard M4A3, and, as a result, was nicknamed “Jumbo”. They were able to absorb hits that would have destroyed standard Shermans and they were popular as lead tanks in an attack or column.

Only 254 Jumbos were built and only a few still exist. This particular M4A3E2 was shipped to Camp Ripley after the war and was used for training until 1959.

Technical data: Crew of 5 75mm M3 gun plus three mounted machineguns Weight 42 tons Top speed 22mph Maximum grade ability 60% Ford V-8 1,100 cubic in. engine of 450hp @2600 rpm Cruising range under average conditions was 100 miles .06 mpg

Restoration in 1986 by members of 747th Maintenance Bn, Camp Ripley

Location restrictions:
Located at Minnesota Military Museum on grounds of Camp Ripley, open to the public year round with limited hours and days in winter.


VEHICLE NOMENCLATURE – USA

In America a much more rational designation system was used. In the project, design, and development stages, a vehicle was given a designation in the T series (best remembered as T for Test). Thus a vehicle might be designated T89. Any experimental modification was indicated by a suffix in the E series (E for Experimental). Thus T1E1, T25E1, or T20E3, in the latter case the 𔄛” indicating the third experimental modification. “T” numbers were normally allocated chronologically. When fully accepted for service by the using arms, the vehicle was “standardised” and given a designation in the M series. Thus M6 or M8. It was not usual for the M number to bear any relation to the original T designation, but towards the end of the war there was a change in favour of this in an attempt to avoid confusion. Thus the Light Tank T24 became the M24 on standardisation, for example. In rare instances a design was standardised from the “drawing board” and never received a T designation an example was the Medium Tank M3. There were also many instances where vehicles were put into limited production and service before being standardised, and in some cases they never achieved the status of standardisation -an example being the T23 medium tank.

At this stage it must be emphasised that this system of designation was used for every item of military equipment in the US Army, so that it was possible to have an M3 Medium tank, an M3 Light tank, an M3 gun mount, an M3 rifle, an M3 flame-gun, an M3 gun sight and so on. Thus it was normal practice to qualify each item by its full title. Strictly speaking, therefore, it is necessary to say Light Tank M3 to distinguish it from Medium Tank M3 and so on, was indicated by an “A” suffix. An example of this is seen clearly in the Medium Tank M4 series, where engine and other changes gave rise to the M4A1, M4A2, M4A3 etc. Modifications confined to the chassis only were indicated by a “B” series suffix. An example arises in M7 howitzer motor carriage development. The M7 was based on the M3 medium tank chassis, and the same design based on the M4A3 chassis became the M7B2. Had yet another chassis been used subsequently, the designation would have been M7B2, and so on. The “E” series suffix was rarely retained when a design was standardised, but there were exceptions, one such being Assault Tank M4A3E2. It should be borne in mind that any special purpose equipment carried on American tanks was designated separately but following the same system. Thus an M4A1 tank could be seen fitted with an MI dozer blade or a T34 rocket launcher, etc.

Self-propelled artillery in American service was described by the calibre of the weapon with the term “gun/howitzer/ mortar motor carriage” as appropriate. Example: 105mm Howitzer Motor Carriage M37. Other special purpose vehicles were designated similarly to tanks. Example: Tank Recovery Vehicle T1. Names were not officially used for American tanks until the M26 heavy tank was called the Pershing. Before that, however, British names for American equipment (eg, Sherman, Lee) were being used colloquially in American service and some American vehicles had unofficial but commonly used names, such as Hellcat for the M18 GMC or Jumbo for the M4A3E2 assault tank.

Instead of being classified as “standard” equipment, American AFVs were sometimes classified “limited standard”. This category was given to a vehicle which was not fully satisfactory for universal service, but which could be used when necessary. A further classification was “substitute standard”, usually given to obsolescent or expedient equipment due for early replacement but which could still be used pending availability of the new design. Finally there was the “limited procurement” classification given to vehicles for which only restricted use could be foreseen. As the term implies, such vehicles were usually produced only in small quantities. Classification could, of course, be changed as necessary for any given vehicle type.



Commenti:

  1. Blaney

    Sorprendentemente, il messaggio utile

  2. Sheron

    È un'idea straordinaria, molto preziosa

  3. Ondrus

    Grazie per il tuo aiuto in questa materia.



Scrivi un messaggio